12 agosto 2013

MATERIALI PER IL VASO: TABELLA RIASSUNTIVA

Si è parlato di vasi di terracotta, plastica e legno. Si è detto tanto ed ora è il momento di tirare le nostre conclusioni e mettere un po' d'ordine nell'argomento: quando, come e perché può essere consigliato o meno questo o quel materiale?


TERRACOTTA:
  • Materiale pesante: da tenere presente specie in caso di vasi molto grandi.
  • Materiale mediamente o anche molto costoso (a seconda di tipo e dimensioni del vaso).
  • Materiale poroso per l'acqua ma non per l'aria: l'umidità evapora anche attraverso di esso, diminuendo il ristagno idrico e lasciando un substrato più fresco. Attenzione che se verniciato il materiale non è più poroso.
  • Materiale fragile: se cade o si rovescia, un vaso in terracotta può rompersi facilmente.
  • Può incrostarsi ed essere di difficile pulizia.
  • Indicata per piante alte e pesanti, o esposte al vento, in quanto il peso del vaso contrasta il loro rovesciamento.
  • Consigliata in ogni caso: è il materiale per avere terreno e coltivazioni più sane.

    • Materiale leggero.
    • Materiale economico.
    • Materiale non poroso: l'umidità non evapora attraverso di esso, aumentando il ristagno idrico e lasciando un substrato più caldo.
    • Materiale infrangibile ma deformabile.
    • Sconsigliata per piante alte e pesanti, o esposte al vento, a causa del suo scarso peso inadatto a contrastarne la caduta.
    • Sconsigliata se avete piante che soffrono il terreno umido e/o alte temperature, e se tenete il vaso in ombra o all'interno della casa.
    • Consigliata per praticità.
    • Consigliata se non volete vasi troppo pesanti da spostare.

      • Materiale in genere più leggero della terracotta e più pesante della plastica (a seconda di tipo di legno e dimensioni del vaso).
      • Materiale che vi permette abbastanza facilmente di costruirvi da soli un vaso (tenendo conto che vi servono spazio ed attrezzi adeguati, più le relative vernici).
      • Materiale costoso o anche molto costoso, sia che vi costruiate un vaso da soli che se lo acquistiate.
      • Materiale non poroso: per evitare il deperimento il legno va impermeabilizzato e verniciato.
      • Consigliato solo per motivi estetici, in caso contrario è da preferire uno dei due materiali precedenti (si possono però avere semplici portavasi in legno, che vi permettono di usare vasi in plastica e terracotta).
      • Può essere utile nel caso vogliate costruire una fioriera molto lunga senza soluzione di continuità.